seguici su facebook twitter google plus RSS Telegram BOT ARCHIVIO STORICO
11:59 giovedì, 17 agosto 2017

Categorie



Vuoi pubblicare una news? Clicca qui

TROFEO CITTA' DI MORI: COMANO E MORI RENDONO LA VITA DIFFICILE AL TRENTO!

calendario 12.08.2017
di: Stefano Povoli
commenti Commenti
  • Eccellenza
  • Promozione
  • Serie D
  • Trentino
  • Trento
TROFEO CITTA' DI MORI: COMANO E MORI RENDONO LA VITA DIFFICILE AL TRENTO!

MORI S. STEFANO - Il Trento vince il trofeo al "Comunale" di Mori, non senza qualche difficoltà: gli aquilotti infatti cedono il passo al Comano Terme Fiavè ai calci di rigore e s'impongono poi con il minimo scarto sui padroni di casa. 

La prima partita in programma ha visto scontrarsi tra di loro Comano Terme Fiavè e Mori S. Stefano, con i padroni di casa volitivi e decisi a farsi valere nella venticinquestima edizione del trofeo Città di Mori.
La sfida infatti si conclude sul risultato di uno a zero per i tricolori, grazie al gol dell'ex Trento Marzocchella a metà dell'unica frazione di gioco in programma in ogni sfida del triangolare.

MORI S. STEFANO - COMANO TERME FIAVE' 1 - 0
Rete: 21' Marzocchella (M) 
Mori Santo Stefano (4-2-3-1): Poli (26’ Bertè); Addeo, N. Dal Fiume, Mazzucchi (26’ S. Dal Fiume), Cescatti; Cristellotti (24’ Mutinelli), Libera (40’ Bertolini), Simonini; Marzocchella (35’ Doda), Canali, Hasa.
Allenatore: Davide Zoller
Comano Terme Fiavè (4-2-3-1): T. Lorenzi; Rocca, Ambrosi, Piunicerv, Giovannini; F. Lorenzi, Caliari (35’ Berasi); Poletti (24’ Nicolini), Rigotti, Chaizzamane (27’ Ciurletti); Burlon.
Allenatore: Luca Celia
Arbitro: Prosperi di Rovereto 

Alla squadra sconfitta, ovvero il Comano guidato dall’altro ex Celia, tocca quindi rimanere in campo per affrontare il Trento che parte benissimo, portandosi in vantaggio già al 2’ quando Lillo ruba palla sulla trequarti e si invola centralmente verso la porta difesa da Lorenzi che deve arrendersi al destro angolato del fantasista aquilotto.
Il Trento tiene il pallino del gioco e al 18’ Bacher trova il varco giusto per Lillo che a sua volta mette Lella in condizione di calciare dal dischetto: provvidenziale la scivolata di Ambrosi a strozzare la deviazione da sottomisura della punta gialloblu.
Nella seconda parte di frazione il Comano prova il tutto per tutto per onorare la propria partecipazione e Fusari al 26’ tenta di sorprendere Grubizza con un destro dalla trequarti destra, trovando la risposta in due tempi del classe ’99 del Trento.
Lo stesso Fusari ci riprova al 29’: questa volta riesce nell’intento di trafiggere Grubizza, ingannato dalla deviazione decisiva di Appiah.
Un minuto dopo è il compagno di squadra Poletti a tentare un’analoga conclusione sulla quale Grubizza si fa trovare pronto in presa.
Ancora Comano al 40’ col doppio tentativo di Federico Lorenzi su piazzato centrale e di Burlon che calcia alle stelle la respinta di Grubizza che poi si supera allo scadere sul destro potente di Ciurletti ben imbeccato in profondità da Nicolini.
I rigori, utili da regolamento a definire eventuali graduatorie in caso di arrivo a parità di punti, premiano l’infallibilità del Comano che chiude i propri 90 minuti come meglio i termali non potevano aspettarsi.

COMANO TERME FIAVE' - TRENTO 1 - 1 (6 - 4 d.c.r.)
Reti: 2' Lillo (T), 29’ Fusari (C)
Rigori: Ambrosi (C) gol, Boldini (T) gol, Piunicerv (C) gol, Duravia (T) gol, Ciurletti (C) gol, Lillo (T) gol, F. Lorenzi (C) gol, Lella (T) parato, Rigotti (C) gol
Comano Terme Fiavè (4-3-3): T. Lorenzi; Fusari, Ambrosi, Litterini (21’ Piunicerv), Giovannini; F. Lorenzi, Caliari, Ciurletti; Poletti (32’ Rigotti), Burlon, Nicolini.
Allenatore: Luca Celia
Trento (4-3-3): Grubizza; Toscano, Calcagnotto, Diop, Bakary; Boldini, Bacher, Appiah; Lillo, Lella, Duravia.
Allenatore: Roberto Vecchiato
Arbitro: Sartori di Rovereto

Nella seconda gara contro i padroni di casa di Davide Zoller, i gialloblu cercano la pronta reazione che trovano dopo appena 45” con Casagrande che mette nell’angolino più lontano il colpo di testa su angolo battuto da Duravia che al 5’ recapita un altro pallone invitatane a centro area per Osti la cui deviazione da sottomisura termina di poco a lato.
La risposta alla pressione del Trento arriva col calcio di punizione di Hasa che scavalca la barriera e sfiora il palo alla destra di Cuoco, ma il Trento torna prontamente dalle parti di Bertè nuovamente con Osti che da posizione defilata lascia partire una staffilata mancina che termina di poco sopra la traversa.
Al 21’ è Diop a trovare il corridoio giusto sulla sinistra e a mettere una palla tesa in mezzo sulla quale si avventa Ferraglia che di sinistro devia alto.
Il Mori alleggerisce la pressione con un tiraccio di Mutinelli alla mezzora sugli sviluppi di un angolo, mentre il Trento continua a spingere in profondità, in particolare per vie esterne, fino a trovare più volte la via verso la porta moriana e a far suo il trofeo. 

MORI S. STEFANO - TRENTO 0 - 1
Reti: 1' Casagrande (T)
Mori Santo Stefano (4-3-1-2): Bertè (27’ Poli); A. Dossi, N. Dal Fiume, Mazzucchi (27’ S. Dal Fiume), Benedetti; Mutinelli (35’ Doda), Libera, Simonini (Bertolini); Hasa (37’ Cescatti); Marzocchella, Canali.
Allenatore: Davide Zoller
Trento (4-3-3): Cuoco; Toscano (35’ Dallavalle), Cascone, Casagrande, Diop (35’ Cavagna); Paoli, Bertaso, Gattamelata (23’ Furlan); Osti, Lillo (16’ Pangrazzi), Duravia (16’ Ferraglia).
Allenatore: Roberto Vecchiato
Arbitro: Prosperi di Rovereto

 





Seguici su Facebook
x Accedi tramite i social network
facebook login twitter login google plus login
Oppure accedi con le tue credenziali
Hai dimenticato username o password? Non sei ancora registrato?